17 aprile 2018 - Presentazione monitoraggio 2018 sul sistema degli Istituti Tecnici Superiori

 JOB Superarta la soglia dei 10mila iscritti, il 70% dei docenti viene dal mondo del lavoro, creano occupazione in ambiti coerenti con il percorso formativo, con l'82,5% dei diplomati ITS che lavora.

10.498 iscritti, 8.839 diplomati, 431 percorsi attivi, 2.153 soggetti partner, di cui 826 imprese, il 68,9% di docenti che provengono dal mondo del lavoro: sono questi i numeri complessivi della formazione terziaria non universitaria italiana, ovvero della galassia ITS. Il dato più significativo però è quello che emerge dal monitoraggio realizzato da Indire su un campione di poco più di 2mila diplomati: l’82,5% di chi si era diplomato nel 2016, ha trovato lavoro entro un anno dal diploma. E per essi, nell’87,3% dei casi, il lavoro è in un’area coerente con il percorso fatto.

Il Monitoraggio 2018 sul Sistema ITS è stato presentato oggi al MIUR dal sottosegretario Gabriele Toccafondi e da Giovanni Biondi, presidente di Indire, con il coordinatore del Progetto “ITS 4.0” Stefano Micelli e il coordinatore del progetto “Revisione figure nazionali ITS” Alessandro Mele. Chi esce da un ITS quindi non solo trova lavoro, ma lo trova coerente con le aspettative del proprio curriculum formativo. Uno su due (il 47,5%) ha un contratto a tempo determinato, il 29,9% a tempo indeterminato e il 22,7% degli occupati ha un contratto di apprendistato. Gli ITS hanno un sistema premiante: i percorsi formativi con i migliori esiti dal punto di vista del numero di diplomati e del tasso di occupazione accedono infatti a risorse aggiuntive, da impiegare per realizzare percorsi nuovi che abbiano come obiettivo principale le competenze correlate al Piano nazionale Impresa 4.0. Gli ITS creano occupazione, e il monitoraggio rileva tra il 2015 e il 2018 un incremento di tutte le voci:
 diplomati (49,9%), occupati (52,5%) e occupati in un’area di lavoro coerente (53%).

Nel corso della giornata al MIUR è stata annunciata anche una campagna di comunicazione che servirà per diffondere la conoscenza degli ITS e delle loro potenzialità da parte dei ragazzi, delle famiglie e dei docenti delle scuole secondarie. Il sottosegretario Gabriele Toccafondi ha espresso «piena soddisfazione per i risultati conseguiti dagli ITS in questi anni. I percorsi sono aumentati più del 40% dal 2013, gli iscritti sono triplicati. Il dato dell’occupazione all’82,5% documenta che la strada intrapresa è quella giusta. Con l’aumento dei fondi decisi dal Governo nell’ultima legge di stabilità, da 13 milioni di euro l’anno a 35 milioni a decorrere dal 2020 si è voluto investire ancora per incrementare e migliorare i numeri, aumentando corsi ed iscritti, e soprattutto per potenziare lo sviluppo di quegli strumenti di innovazione tecnologica legati anche a Impresa 4.0. Questa è una vittoria del Paese».

Pubblicata venerdì 11 maggio 2018

Ultimi Corsi

AgriOIL 4.0: Tecnico Superiore dei processi innovativi per la produzione e la valorizzazione dell'olio EVO e dei derivati

Iscrizioni aperte dal 02 luglio al 12 ottobre 2018

Inizio corso ottobre 2018. Scarica il bando e la domanda di iscrizione

BioAgriTech: Tecnico Superiore per le produzioni e le trasformazioni in agricoltura biologica.

Iscrizioni aperte dal 10 luglio al 14 ottobre 2018.

Scarica il Bando e la domanda di iscrizione

Tecnico Superiore per lo sviluppo digitale (F 4.0) della filiera agroalimentare

Data inizio corso: Ottobre 2016
Iscrizioni: dal 15 luglio 2016 al 30 settembre 2016

Tecnico Superiore dei processi di trasformazione agroalimentare dei sistemi Molitorio-Pastario-Prodotti da Forno-Birrario

Data inizio corso: Ottobre 2015
Iscrizioni: dal 1 luglio 2015 al 10 settembre 2015

 

Logo Provincia di Campobasso Logo Camera di Commercio CB Logo Unione dei Comuni del Tappino Logo IIS Pertini Logo CSFO Logo UniMol Logo Genus